La vita del formatore è, spesso, una vita in viaggio.
Ci spostiamo per andare in aula, per raggiungere i clienti, per formarci noi stessi, per lavorare su progetti. Il che significa che facciamo un sacco di chilometri.

Personalmente, complice anche un recente trasferimento, passo molto tempo in auto. E si, guidare mi piace molto. Mi rilassa, mi permette di stare sola con me stessa, di riordinare le idee.

Soprattutto nel tragitto per tornare a casa dopo una giornata d’ aula, il tempo in macchina è tempo per me, per i pensieri in libertà. E’ spazio vitale.

Ma ultimamente ho esagerato e solo la musica, che pure amo molto, non mi bastava.

Dovevo ottimizzare le molte ore trascorse in macchina. E così, con un misto di curiosità e scetticismo mi sono affacciata al mondo dei Podcast per provare a capire come usarli.Per il lavoro e per le mie passioni ( si, ok, di solito coincidono)

Volevo un modo stimolante  per rimanere aggiornata sui temi di mio interesse, imparare qualcosa di nuovo e lasciare spazio alla creatività e alla progettualità.

Partiamo, come sempre, dall’ inzio.

Per chi non lo sapesse un podcast  è un “programma audio ricorrente”, solitamente gratuito, tematico. Una specie di “radio” che usa il web per trasmettere.

Quindi trasmissioni radio, video, ma anche tanti tutorial e contenuti educativi su temi molto diversi e con diversi livelli di approfondimento

Per riprodurre podcast esisono molte piattaforme e app. Personalmente utilizzo:

Ecco cosa ho imparato nelle mie prime esplorazioni:

  • I podcast sono tematici e spesso molto specifici,  basta trovare cioè che ci interessa, iscriversi e scaricare le varie puntate.
  • Possono essere riprodotti anche offline, da qualsiasi dispositivo. Nel mio caso collegando l’app all’auto tramite bluetooth.
  • C’è ( spesso) un aggiornamento costante, il che significa contenuti freschi ed attuali.
  • I contenuti sono quasi sempre  proposti in maniera semplice, diretta, sintetica.
  • Ci sono contenuti di diverso tipo, soprattutto in lingua inglese.
  • Bisogna saper cercare, ma con un pò di pazienza si possono trovare ottimi contenuti e, soprattutto, utili per noi.

Ovviamente, ho cercato podcast utili per il mio lavoro e la mia formazione, concentrandomi su temi legati a formazione, comunicazione, digitale,  marketing e crescita personale.

Ecco una breve lista dei più interessanti che ho trovato e che continuo ad ascoltare:

  • COSÌ PARLÒ CERATHUSTRA ,  il podcast della trasmissione radio del mio amico e collega Stefano Cera, sempre ricco di stimoli e riflessioni  che affornta  temi legati a formazione, apprendimento e molto altro, attraverso il commento di un film. Apprezzo molto lo stile leggero che si lega alla profondità dei temi.
  • PSINEL,   il  podcast di psicologia e crescita personale più ascoltato in Italia, di Gennaro Romagnoli, psicologo. Ricchissimo di contenuti e sempre aggiornato.
  • PARLIAMO DI PSICOLOGIA,  esercizi psicologici, riflessioni e interviste a grandi psicologi. A cura di Luca Mazzucchelli. Apprezzo particolarmen le recensioni dei libri.
  • COMUNICARECONVINCERE, Paolo Sciamanna e Fabiola Sacramati ci parlano di comunicazione, linguaggio del corpo, marketing, vendite e tanto altro. Con uno stile unico e una buona dose di ironia.
  • CONTENT MARKETING ITALIA, Alessio Beltrami ci racconta un mondo che mi affascina molto, con esempi pratici e storie di successo.
  • LEZIONI DI FILOSOFIA, dI Salvatore Natoli. Per chi condivide con me la passione per la filosofia e per le comande difficicili 🙂
  • PERISCRITTO, un podcast su un’ altra grande passione:  la scrittura e le parole.

Alcuni personalissimi consigli utili:

  1. Scegli podcast dinamici e stimolanti, non devi annoiarti!
  2. Ascolta podcast solo quando ti va, non deve essere un obbligo.
  3. Diversifica  e varia generi e stili. Sarà molto più facile mantenere l’ attenzione.
  4. Cerca la “voce giusta” per te. Anche il ritmo, il tono e il timbro sono elementi importanti. Trova quello che “suona davvero per te”.
  5. Quando ascolti qualcosa che ti colpisce, trova 2 minuti per fissare il concetto principale.Nella modalità e nella forma che preferisci, ma tieni traccia di quanto hai appena appreso.
  6. Prova, ogni tanto, ad ascoltare podcast su tematiche lontane dalla tua area di competenza. Input e stimoli possono arrivare anche da ciò che sembra molto distante da noi.
  7. Prova a seguire podcast in una lingua diversa dalla tua. Anche se non parli la lingua benissimo sarà comunque sfidante e stimoltante.
  8. Trova qualcosa che ti faccia ridere.
  9. Puoi guidare benissimo anche in silenzio :-).
  10. Rilassati, goditi il viaggio e respira.

Buon viaggio! E vai piano 🙂


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Lucia

MAPPE MENTALI E NUOVI INIZI

La storia dell’anno nuovo come ripartenza, come possibilità di azzerare tutto e risolvere miracolosamente il mondo, mi è sempre apparsa piena di retorica e anche un po’ banale. Sarà che per noi eterni studenti l’ Leggi tutto&ellip;

Aula

GLI OCCHI DEI RAGAZZI.E PERCHÉ FACCIO IL LAVORO PIÙ BELLO DEL MONDO

Fare il formatore può voler dire tante cose. Soprattutto in momenti come questo e soprattutto se sei, come nel mio caso, un professionista che si interfaccia con interlocutori diversi ed in ambiti anche molto distanti Leggi tutto&ellip;

Mappe mentali

MAPPE MENTALI PER LA FORMAZIONE. IL MIO METODO PER PIANIFICARE IL LAVORO IN AULA

L’ inizio dell’ anno porta sempre novità, fermento, energie, nuovi inizi. Queste prime settimane del 2018 per me lo sono state anche troppo. Sfide  importanti, piccole imprese e nuovi corsi da progettare e realizzare in Leggi tutto&ellip;

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: