L’ ho sempre pensato. Ma, a Milano, all’ evento sul digital learning di Mosaicoelearning il 17 novembre scorso, ho avuto l’ ulteriore conferma.

Ci formiamo, lavoriamoprogettiamo e, a volte, discutiamo online per poi, alla fine, abbracciarci “dal vivo.”

La nostra vita, in fondo, è così. Siamo immersi in questo flusso perenne di comunicazioni, chat, skype, call, whatsapp e tutto il resto. Lavoriamo spesso di notte, la domenica mattina, in orari improbabili e collegandoci praticamente ovunque.

Ci piace “lavorare in team”. Il che significa che ci sentiamo praticamente tutti i giorni, magari per mesi, e spesso non ci siamo mai visti. Siamo figli di quel lavoro e di quella vita fin troppo liquida, in cui le distanze sembrano davvero non contare ed il tempo diventa difficile da definire.

Poi ci sono gli eventi, penso a Sqcuola di Blog, prima edizione nel 2011.Quando dopo aver lavorato per mesi in remoto e da perfetti sconosciuti, abbiamo preso il treno e, arrivando da ogni parte di Italia ci siamo ritrovati insieme per un evento che, non esagero, ha cambiato la vita di tanti di noi.

Era il 2011, una vita fa. Da allora altri progetti, simili e molto diversi, ma ogni volta la stessa bella emozione.  

E cosi è stato anche a Milano.

Sull’ evento learning360 hanno scritto in tanti, è stato raccontato da tanti punti di vista. Con le slide, le foto, le dirette facebook, le interviste. Un evento pieno di contenuti, di idee e di condivisione di esperienze. Si è parlato di digital learning, di formazione e di innovazione.

Ma quello che mi sono portata a casa io, più di tutto il resto, sono stati gli abbracci.

Perchè i contenuti li trovi anche online, gli abbracci no.

Primo fra tutti quello con Gabriele Dovis, il  visionario artefice dell’ evento. Un abbraccio di silenzi,  ma pieno di grazie.

E poi ci sono stati i ragazzi con cui lavoro, i miei allievi, i colleghi con i quali ho studiato, anche qualche cliente. C’era un sacco di mondo bello, in quel teatro.

Sul palco e sotto.

Si, perché sul palco è salita gente che fa bene al cuore e alla mente. Persone che, dopo averle ascoltate, ti viene voglia di fare di più e di fare meglio.

Ci hanno parlato di emozioni, della paura e del coraggio, di innovazione e di storytelling . Di microlearning e di progettazione. Di effetti speciali e di contenuti solidi. Di giochi seri e di divertimento. E, ovviamente, di tanto altro.

Le slide complete sono qui,  vale la pena darci un’ occhiata.
Gli abbracci, ancora, non riesco a condividerli!

GRAZIE!

 


1 Comment

Andrea Alfieri · 29 novembre 2017 alle 18:24

Grazie mille della citazione Lucia. Noi formatori siamo tutti una ruota che gira in un mondo che gira. In questo vorticoso rotolare c’è dannatamente bisogno di aggrapparsi gli uni con gli altri. Se poi si riesce a divertirsi imparando, tutto diventa indimenticabile. Proprio come il pezzo di strada che abbiamo fatto insieme. Abbraccio

Rispondi a Andrea Alfieri Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Lucia

MAPPE MENTALI E NUOVI INIZI

La storia dell’anno nuovo come ripartenza, come possibilità di azzerare tutto e risolvere miracolosamente il mondo, mi è sempre apparsa piena di retorica e anche un po’ banale. Sarà che per noi eterni studenti l’ Leggi tutto&ellip;

Aula

GLI OCCHI DEI RAGAZZI.E PERCHÉ FACCIO IL LAVORO PIÙ BELLO DEL MONDO

Fare il formatore può voler dire tante cose. Soprattutto in momenti come questo e soprattutto se sei, come nel mio caso, un professionista che si interfaccia con interlocutori diversi ed in ambiti anche molto distanti Leggi tutto&ellip;

Mappe mentali

MAPPE MENTALI PER LA FORMAZIONE. IL MIO METODO PER PIANIFICARE IL LAVORO IN AULA

L’ inizio dell’ anno porta sempre novità, fermento, energie, nuovi inizi. Queste prime settimane del 2018 per me lo sono state anche troppo. Sfide  importanti, piccole imprese e nuovi corsi da progettare e realizzare in Leggi tutto&ellip;

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: